Napoli-Juve: il ritorno di Higuain al San Paolo nel segno della… pernacchia

Gonzalo HiguainGonzalo Higuain abbraccia Paulo Dybala e i suoi compagni della Juve dopo un gol (foto Ansa.it)
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Da sempre è “La Partita” per i napoletani, ma quest’anno lo sarà ancora di più. Dopo lo snodo fondamentale tra febbraio e marzo, eccone un altro per proseguire la marcia verso gli obiettivi stagionali rimasti: secondo posto e Coppa Italia. Due e cinque aprile le date segnate in rosso sul calendario dai tifosi napoletani, che accoreranno in massa per la doppia sfida contro la Vecchia Signora. Infatti, grazie anche a una politica di prezzi ribassati da parte della società, ci saranno ben centomila spettatori, o forse più, ad affollare il quartiere di Fuorigrotta nel giro di tre giorni. Per la sfida di campionato poi, ci saranno gli occhi puntati non solo dei tifosi napoletani, ma anche di quelli giallorossi; una sconfitta degli uomini di Allegri infatti, con contestuale vittoria della Roma sull’Empoli, potrebbe addirittura riaprire una lotta scudetto da tutti ormai considerata chiusa. Ma rimaniamo sugli azzurri; si diceva di un Napoli-Juventus diverso dagli altri anni e il motivo è presto detto: per la prima volta Gonzalo Higuain verrà al San Paolo da avversario. Condottiero di una squadra per tre anni, soprattutto l’ultimo, che però ha deciso di darsi più possibilità di vittoria, accasandosi a Torino. Comprensibile, a voler essere razionali. Ma la razionalità è virtù di solito non conosciuta dai tifosi (ed è giusto che sia così), perché sennò non si chiamerebbero tifosi appunto. Per questo, gli appelli all’indifferenza nei confronti dell’argentino domenica sera, cadranno probabilmente nel vuoto.

Una indifferenza, nella marcatura si intende, che sicuramente non dovranno avere i difensori della squadra di Sarri. Sarà meglio esser chiari sul punto dopo gli ultimi due incontri con i bianconeri; Albiol e compagnia infatti, in quelle occasioni, non hanno avuto la sufficiente attenzione per evitare colpi così duri per i propri sostenitori. Due gol in due partite contro la sua ex squadra, carichi di una bella dose di decisività, sono i numeri dell’Higuain juventino. Arrivati in circostanze tutto sommato evitabili e che non si dovranno quindi ripetere al San Paolo, davanti al pubblico di casa. Anche perché la posta in palio è alta, l’avversario forte, e quindi a prescindere da tutto si dovranno limitare al massimo gli errori.

Intanto, come sempre, qualche spunto interessante viene dai social. Il numero di “partecipanti” aumenta di ora in ora per un simpatico evento organizzato da alcuni tifosi: una sorta di flash mob rappresentato da una enorme pernacchia sincronizzata da parte di tutti i presenti allo stadio. Un invito, secondo gli organizzatori, a rispondere in modo non violento, ma anzi spiritoso, al core ‘ngrato dei nostri giorni. Perché l’umorismo, questo si, è una virtù che appartiene ai tifosi azzurri.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail
Condividi questo articolo
Facebookrss
Segui

Be the first to comment on "Napoli-Juve: il ritorno di Higuain al San Paolo nel segno della… pernacchia"

Leave a comment